Mancata approvazione della riforma penitenziaria. Due giornate di astensione!

Pubblicato il:

Riportiamo integralmente la nota a mezzo della quale la Giunta della Unione delle Camere Penali Italiane ha indetto due giornate di astensione per i prossimi 2 e 3 maggio a causa della mancata approvazione del decreto attuativo in materia penitenziaria:

«L’Unione delle Camere Penali Italiane, rilevato il mancato inserimento dei decreti legislativi attuativi della Riforma Penitenziaria nei lavori delle Commissioni speciali parlamentari, evidenziato quanto riportato nell’allegata delibera odierna, ritenendo necessaria – ancora una volta in prima linea nel richiedere il rispetto dei diritti di tutti i detenuti –  una ulteriore ed immediata presa di posizione dell’Avvocatura penale  che unifichi e coordini gli sforzi di tutti coloro che si sono impegnati per l’attuazione della Riforma, e di dover porre in essere una mobilitazione nazionale, alla quale vorranno certamente aderire tutte le rappresentanze dell’Avvocatura,  per riaffermare, assieme a tutti coloro che in questi mesi si sono espressi a favore di una sollecita ed integrale approvazione dei decreti, il forte dissenso dell’Avvocatura penale nei confronti di una politica che calpesta i diritti fondamentali dei detenuti, negando i principi propri della Costituzione e dei trattati internazionali da tempo sottoscritti dall’Italia, delibera la astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria penale nei giorni 2 e 3 maggio 2018, organizzando per il 3 maggio 2018, in Roma, una manifestazione nazionale con la quale sensibilizzare la politica, l’opinione pubblica e l’informazione, al fine di ottenere l’inserimento dei Decreti Legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri nell’ordine del giorno delle Commissioni speciali, indicendo una conferenza stampa per il giorno 16 aprile 2018, al fine di spiegare le ragioni della protesta e della iniziativa dei penalisti italiani anche per comunicare e valorizzare i dati statistici sulla incidenza della recidiva, che dimostrano come l’effettiva applicazione delle misure alternative, piuttosto che la indistinta cancerizzazione, costituisca un reale incremento della sicurezza di tutti i cittadini, riservandosi ogni ulteriore iniziativa volta all’ottenimento della sollecita entrata in vigore della riforma.
In allegato la delibera».

In allegato troverete anche la delibera di indizione delle giornate di astensione con la indicazione specifica delle ragioni.


  • Condividi